Il giorno dopo

Torniamo a quel 4 agosto 1972 con le foto, alcune inedite, dell’apocalisse del giorno dopo, quando la luce del sole rese palesi gli effetti del sabotaggio notturno. Le tonnellate di schiuma e acqua che i vigili del fuoco spararono sui serbatoi riuscirono a impedire il contagio fra le tre cisterne andate a fuoco e le altre. Una, il serbatoio 44, la più vicina alla città, non si incendiò per un errore di posizionamento della carica. Mentre nel pomeriggio dello stesso giorno (le esplosioni avvennero dopo le tre di notte), ci fu l’unico, pericolosissimo episodio di “contagio”, di cui vi parleremo in un prossimo post corredato di altre fotografie. Qualche dato per illustrare la portata dell’incendio, il cui fumo alto sei chilometri si vedeva a centinaia di chilometri di distanza. 160mila i metri cubi di petrolio andati in fumo in quattro giorni , la perizia chimica stabilì che nel momento di maggior combustione si consumavano una-due tonnellate di greggio al secondo, e le fiamme salivano verso l’alto a una velocità di 150 chilometri l’ora. Nelle foto si nota lo schiumogeno che allaga i bacini di contenimento costruiti attorno ai serbatoi, della stessa capacità dei serbatoi stessi, diventati ormai di colore blu, e le fiamme quasi sulla strada. Subito qui sotto, una mappa del sito direzione nord-sud pubblicata l’11 agosto dal settimanale “il Meridiano”. Evidenziati in rosso i serbatoi interessati dall’attentato. Si nota a ovest (sinistra) verso la città il serbatoio 11. A oriente, i serbatoi 54 e il 55 che si sarebbero uniti in un solo enorme rogo.   Mappa da Meridiano

Scan0014

Serbatoio 21: il calore vaporizza acqua e schiumogeno nel perimetro di contenimento. Le lamiere sono già intaccate. Era il meno pieno fra quelli incendiati, conteneva 1.534 metri cubi

Scan0015

Serbatoio 21, il fuoco ha già “asciugato” lo schiumogeno. Seconda foto, serbatoi 21 e 11. L’11 conteneva ben 69mila tonnellate di greggio. Finì così devastato che la perizia balistica su di esso venne ritardata di parecchie settimane. L’immagine presa dal costone di Monte d’Oro

Scan0012

Le fiamme lambiscono la strada che delimita il perimetro dal lato di Monte d’Oro dopo aver tracimato dal bacino di contenimento. Anche il torrente Rosandra, che passa attraverso la tank farm, fu a rischio incendio. La minaccia fu sventata con dei sacchetti di sabbia

Scan0011

Fuoco e schiumogeno nel bacino di contenimento, si tratta probabilmente del serbatoio 11, con 69mila tonnellate

Scan0010

I serbatoi 21 e 11 (da sinistra) fotografati dall’ampia spianata dei lavori per allora in corso per altre future cisterne, nell’area 2

Scan0013

Il serbatoio 21 oramai gravemente compromesso dal calore e dal fuoco

Scan0007

Sulla sinistra si scorgono appena il fuoco e le fiamme che consumano il greggio dei serbatoi 54 e 55. In primo piano, la spianata dove saranno costruiti altri serbatoi

Scan0005

Il serbatoio 21 oramai annerito dal fuoco e dal calore con schiuma, acqua e morchia nel bacino di contenimento. Sullo sfondo, il 54 e il 55

Scan0004

L’inferno di fumo e fuoco che si sprigiona dopo il “contagio” dal serbatoio 54 al 55

Scan0002

4 agosto 1972: l’ombra dell’enorme colonna di fumo frutto del “contagio” fra il serbatoio 54 e il 55 incombe sulle altre tank

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...