Bologna, le cose che emergono

Proponiamo qui sotto un interessante contributo del giovane ricercatore  romano Nicola Guerra, che ha iniziato a scandagliare gli archivi dei paesi dell’Est in cerca di documenti inerenti le attività del servizi segreti del Patto di Varsavia. Un filo conduttore, il ruolo di quei servizi nell’attività di destabilizzazione dell’Europa Occidentale, che conduce a dei capolinea terribili: le stragi che insanguinarono l’Italia e la Germania a cavallo del 1980: quella all’Oktoberfest a Monaco di Baviera, la strage della Sinagoga a Parigi, e la strage alla stazione di Bologna. Documenti sinora inediti provenienti dagli archivi dei servizi segreti bulgari stanno portando alla luce una rete pari, se non superiore all’occidentale Gladio. Una rete che aveva come interlocutori primi i movimenti di liberazione palestinesi, Fplp primo fra tutti, e l’organizzazione di Carlos, al soldo del terrorismo comunista per moltissimi anni. Una rete che, nonostante le acquisizioni della Commissione  parlamentare d’inchiesta sul dossier Mitrokhin, sta facendo ancora tanta fatica a uscire alla luce, dato il pregiudizio fatto proprio da tanti analisti e storici in questi decenni, che tutti i misteri recenti della storia italiana debbano per forza avere origine da deviazioni messe in atto dalla P2 o da circoli di derivazione atlantica. Già la storia dell’attentato palestinese all’oleodotto di Trieste del 1972, con i suoi clamorosi insabbiamenti a Lodo Moro non ancora operativo, avrebbe dovuto accendere più di qualche lampadina, il che non è avvenuto. E’ preziosissimo quindi il contributo di Nicola Guerra, cui speriamo ne seguano altri.

la_strage_di_bologna_nel_contesto_storic

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...